Come sbarazzarsi di acne: Miti da non credere

Come sbarazzarsi di acne: Miti da non credere

Causa cicatrici sul corpo e anima. Acne è un problema che nel corso della vita ha colpito ad una misura maggiore o minore il 90 per cento di tutti noi. Nonostante, o forse proprio per questo, è circondato da numerosi miti. Quali sono i più comuni?

Il sole cura

Abbronzandosi aiutate a nascondere acne, non guarirlo. I brufoli saranno meno visibili, ma non farete molto bene per la vostra pelle. La pelle può essere ancora più secca, sensibile e irritata, per non parlare dell´accelerazione dell´invecchiamento della pelle e l´aumento del rischio di cancro della pelle, che si applica su tutti i tipi della pelle. Se avete paura di grasse creme solari, potete comprare quelle destinate a pelle problematica.

Più igiene = meno brufoli

La formazione di brufoli non è direttamente legata a come spesso vi lavate la pelle. Certo, la cura regolare della pelle è importante e può ridurre la ostruzione dei pori. Ma non si deve esagerare – secondo gli esperti basta lavare il viso due volte al giorno. Più spesso non ha senso – al contrario. Igiene eccessiva può causare secchezza e irritazione della pelle e formazione di ancor più brufoli.

Spremitura di brufoli accelera tutto

Uscire con un grande brufolo con punto bianco sulla fronte non vuole nessuno. Ma cercare di spremerlo è la peggior soluzione possibile. Correte il rischio che l´area s’infiammerà ancora di più e la guarigione durerà ancora più a lungo, o che vi causerete ferite dopo le quali vi rimarrà una cicatrice.

L´alimentazione non causa acne

Per molto tempo si è sostenuto che l´alimentazione non ha nessun effetto sui brufoli. Ma i recenti studi dimostrano, che esiste un rapporto tra componenti degli alimenti che mangiamo e l´acne. Per questo gli esperti avvisano di mangiare con cautela i cibi con alto indice glicemico – si tratta per esempio di cioccolato, patatine fritte, patatine, pizza, ma anche birra o coca. Non dobbiamo esagerare neanche con prodotti lattici. Tuttavia aggiungono, che l´alimentazione non è causa principale e certamente non è causa unica di acne. Tutto deve essere considerato nel complesso di vari fattori.

L´acne è soltanto un problema estetico

Acne è una malattia che lascia cicatrici non solo sul viso, ma anche sull´anima. L´acne è in realtà molto strettamente legata alla psiche umana. Anche se non è ancora chiaro il motivo per cui questo accade, lo stress psichico ha grande effetto sulla frequenza e intensità dei brufoli. E viceversa – acne ha un effetto fondamentale sulla psiche. Le persone che combattono questa malattia della pelle per lungo tempo, tendono ad avere problemi, in particolare, con la fiducia in sé stessi e l´autostima, che possono portare fino a fobia sociale o gravi depressioni.

Brufoli sono problema dei giovani

Acne non è solo un problema degli adolescenti. Riguarda tutti – dai neonati agli anziani. Dopo i trenta anni la sua occorrenza diminuisce, tuttavia preoccupa oltre i dieci per cento della popolazione. Non sono esclusi neanche pazienti di cinquanta anni. Per i giovani si tratta di solito di cosiddetta acne vulgaris – si manifesta sul viso con brufoli infiammati e pori neri soprattutto nell´area della fronte, naso e mento, è frequente anche sulla schiena, collo e décolleté. In età adulta appare più spesso la cosiddetta acne rosacea – appare soprattutto sul viso nell´area del naso, guance e sulla fronte e si manifesta con l´arrossamento della pelle e brufoli. Buone notizie – il dispositivo Face-up! influenza entrambi i tipi.